Andrew Hurth intervistato da Wezla

Benvenuto. Presentati e parlaci del tuo progetto musicale…

Ciao! Sono Andrew Hurth, dance music producer & DJ, il mio progetto musicale e fatto di condivisione, nuove idee e sopratutto tanto entusiasmo. Il mio scopo è quello di poter dare un contributo alla musica dance italiana, far divertire e lanciare messaggi importanti.

Hai pubblicato il nuovo singolo “Real”. Di cosa parla il testo? Raccontaci tutto…

A dicembre ho rilasciato con la Yeiskomp Records, un’etichetta olandese, il mio singolo “Real”, con la collaborazione del cantante inglese Matt Sky. Il testo è un chiaro messaggio di impegno e ricerca della nostra felicità, come spesso ho detto, racconta di come la vita a volte si possa rivoltare contro e possa farci perdere la felicità e l’entusiasmo. Il messaggio che ho voluto lanciare è che anche se la realtà gioca brutti scherzi, non dobbiamo abbandonarci all’idea che sarà così per sempre, ma che possiamo far ritornare il nostro cuore al ritmo, a percepire e “sentire” di nuovo che la vita è bella e può regalarci grandi gioie. Quello che vorrei fare con la mia musica è raccontare storie di esseri umani, storie di vita, dove il finale lascia sempre una speranza e dove l’entusiasmo non ha fine. Penso che questo approccio rifletta un pò quelle che sono le caratteristiche della musica italiana e che a me piacerebbe portare nel Dance.

Quali sono le differenze con i singoli precedenti?

La mia impronta musicale penso si possa percepire, il piano, i violini, e altri strumenti che richiamano il mio stile; ho deciso però di aggiungere dei vocal synth che sono stata la vera novità dal punto di vista musicale.

Quale è la tua massima ambizione come artista?

La massima ambizione come artista e poter riuscire a comunicare ciò che desidero al maggior numero di persone, poter lasciare loro qualcosa di unico, un emozione, un brivido, poter entrare in sintonia con chi ascolta la mia musica attraverso i suoni e le parole. Dal punto di vista discografico sogno importanti collaborazioni e poter fare dei live dove poter portare creatività, entusiasmo e momenti indimenticabili.

Quale messaggio vuoi trasmettere con la tua musica?

Il messaggio che voglio trasmettere è che bisogna essere gentili con gli altri, che ciò che conta veramente è lavorare duro per la nostra felicità, per ciò che ci importa. Occorre superare tante sconfitte prima di poter raggiungere una sola vittoria. Sarà però quella sola vittoria che darà senso alla nostra esistenza.

Come valuti la situazione musicale in Italia?

L’Italia resta un palcoscenico molto importante per la musica, il nostro paese ha una storia musicale unica al mondo, forse meno per il panorama dance, credo che molti artisti come Takagi & Ketra, Merk & Kremont, Benny Benassi, Gabri Ponte, Scavo, Agnelli ecc. abbiano dato visibilità e onore al nostro paese nella scena EDM. Spero di poter contribuire alla crescita del musica dance italiana nel mondo.

Che consiglio ti senti di dare ad una band o ad un artista agli esordi?

Penso di non poter dare consigli, ma solo qualche osservazione personale che penso che se messa in pratica possa fare la differenza. Occorre essere umili, sacrificarsi, lavorare duro, amare tanto ciò che si fa… questa è l’unica cosa che noi artisti sognatori possiamo fare. Prima o poi se si lavora bene qualcosa di bello accadrà.

Qualche nuovo progetto in cantiere?

Non perdete il mio singolo “Hideaway” con Nadya Sumarsono che sarà disponibile su tutte le piattaforme dal 13 marzo 2020. Quest’estate un’altra novità direttamente dagli States… molto interessante!

Lasciaci con un tuo motto….

Be kind 🙂