Stay per Wezla

1. Chi sono gli Stay? Da dove nasce il loro rapporto con il mondo della musica?

Gli Stay sono una band italiana formatasi nel 2019 da una mia idea, ma mi presento. Io sono Niccolò “Stay” Bacci, cantante e chitarrista della band. Fin da piccolo sono cresciuto a suon di rock… ed era inevitabile che prima o poi ne avessi fatto parte… Dopo aver girovagato in lungo e in largo provando vari tipi di musica senza trovare appagamento, decisi di voler metter mano alla mia musica… di lì iniziai la composizione dell’album “A New Road”… in seguito registrai i brani agli EP Creations Sound Recording di Bologna… e l’album di debutto era pronto, mancava solo una band per suonarlo in giro. La band arrivò in tempi record, e così abbiamo iniziato a suonare “A New Road” in giro per l’Italia. Ma presento anche gli altri membri della band:

Sara Gulminelli – Tastiere e cori

Emanuele Biavati – Chitarra e cori

Simone Scagliarini – Batteria

2) Ci raccontate le origini di questo nome d’arte?

Domanda che non tutti ci fanno… (Ride) è una storia buffa. Il nome deriva dal mio soprannome… ma spieghiamolo meglio. Io mi chiamo Niccolò Bacci, fin da’ ragazzino gli amici mi iniziarono a chiamare, un po’ per scherzare, “Bacci stacci”… sapete come si è da ragazzini, battutine e cose del genere, insomma ero diventato Bacci stacci… con il passare del tempo, arrivò la sua forma inglese… e diventò Stay. Mi piaceva e di lì è diventato anche il nome della mia band.

3) Parliamo di Ginevra…

Ginevra… è la mia canzone preferita dell’album quella che ritengo sia uscita anche meglio, dove c’è anche il mio assolo preferito, particolarmente ispirato e con svariate tecniche di chitarra. Parla di una ragazza che conobbi anni fa, una ragazza molto indecisa e incoerente con se stessa… una ragazza che voleva essere in un modo, ma che per essere accettata indossava una maschera nascondendosi. Non so poi come sia finita questa ragazza, se abbia intrapreso il cammino giusto, o abbia ancora questa maschera, ma questa storia dell’abbassarsi agli altri per essere accettata è un tema sempre più diffuso, e all’epoca mi catturò parecchio. Tante persone di ambo i sessi possono rivedersi, ovviamente come narratore, io invito ad essere chi si vuole realmente essere senza maschera alcuna… ma non per tutti è così. È stato anche il primo singolo estratto, un po’ per costrizione, ma questa è un’altra storia. Il video dove ho voluto la partecipazione di Dani Divine, rispecchia perfettamente in modo metaforico, restando in un contesto undergound e cupo, ma anche speranzoso, lo svolgersi della canzone. Lo trovo un video veramente bello, che strizza l’occhio anche all’horror rock del maestro Alice Cooper… e io sono un po’ fissato con i vampiri (Ride)… devo ringraziare anche il direttore e registra Oscar Serio per questa idea brillante. Se non avete visto il video, vi dico di rimediare… e vi dico anche che “non è quello che sembra” dovete pensare bene al finale… ma non facciamo spoiler.
Ci sono anche molti omaggi a David Lynch nel video, che è un regista che adoro… logicamente non poteva essere un video facile da comprendere.

4. Che rapporto avete con il mondo dello Spettacolo?

Il mondo dello spettacolo… siamo agli inizi, tutti noi abbiamo avuto esperienze passate, ma non siamo degli esperti nel settore… e giorno dopo giorno capiamo quanto sia un mondo difficile e pieno di vipere… per fortuna che ci sono anche persone che credono in queste nuove band e gli danno tante possibilità. Insomma non facciamo di tutta l’erba un fascio fortunatamente, ci sono tante persone buone.

5. Che musica ascoltate di solito?

Io ascolto un po’ di tutto, ma non parlatemi di rap, trap e simili, ovviamente il genere che prediligo è il rock e affini… in questo periodo sto ascoltando molto gli Steel Panther, mi piacerebbe un giorno se riuscissimo ad aprire per loro.

6. E il cinema vi piace? Cosa guardate solitamente?

Il cinema mi piaceva… ultimamente sono uno di quelli che “il nuovo cinema sono le serie Tv”. Andrò al cinema 1/2 volte l’anno, per vedere quei film che realmente mi interessano, questo perché trovo spesso una qualità sempre più scarsa ogni anno che passa, salvo eccezioni. Se ripenso a film come Via col Vento, la vita è meravigliosa… e vedo certe robe che propongono oggi… mi viene la tristezza. Seleziono anche le serie TV (Ride), quindi figuriamoci il cinema, anche se devo dire che negli ultimi anni ne seguo parecchie. Sopra ho citato Lynch… sono un suo grande fan… è da qui dovreste capire cosa prediligo in ambito cinematografico.

7. Cosa ci raccontate dei nuovi progetti professionali dopo il Covid-19?

Brutta storia… bruttissima, questo virus è una manifestazione del male in terra e va sconfitto. Al di là del tour estero rinviato, e date slittate/cancellate, mi preme di più per la vita delle persone… quindi anche se ci sarà da aspettare per suonare , l’importante è che le persone smettano di soffrire e di morire. E la crisi riguarda anche tanti negozi, fabbriche etc… ripartire sarà difficile, ma bisogna farlo con cautela, la storia ci insegna di non correre. E il mio timore è proprio questo… ho paura che si corra troppo. Lo stato ha gestito malissimo tutto quanto… e sono state le persone a rimetterci, e altre ancora ci rimetteranno… le mani sporche di sangue le hanno in tanti al governo, lo capissero sarebbe meglio.
Per quanto riguarda la musica, temo che finito il virus, sia ancora più difficile trovare da suonare… chissà quanti locali ce la faranno e chissà quanti dovranno chiudere… insomma è una situazione delicata, dal canto nostro… stiamo lavorando al secondo album, nell’attesa di ripartire, e chissà forse ci sarà anche una canzone che tratterà l’argomento. Intanto cerchiamo di essere attivi anche sui social… tra l’altro noi ci siamo se non lo fate ancora, seguiteci.
Un saluto, e un augurio che tutto torni presto alla normalità.
Stay strong!