“Walking Awayˮ è il titolo del nuovo singolo della Rock’n’Roll band Matt Cadillac & The Shoots, uscito per DELTA Records & Promotion Venerdi’ 25 Novembre su YouTube con il video ufficiale. Da Venerdi’ 2 Dicembre sara’ disponibile anche su tutti i Digital Store.

Presentazione di “Walking Away”:

“Walking Away” e’ un brano che racconta lo stato d’animo che si prova nell’attesa di un incontro del tutto casuale… Storie d’amore, situazioni del tutto impreviste, emozioni difficili da spiegare, date dal fatto astratto del sentimento, ma tutte vissute in buone vibrazioni.

Certo, si racconta l’underground di una vita sociale del tutto povera di opportunità, costruite non certo grazie al denaro, ma allo spirito semplice, complice e spensierato proprio come il Rock’n’Roll ci insegna ogni volta che si ascolta un brano che trasmette buone sensazioni… E’ gia’, perche’ in fondo “Walking Away” questo e’… buone vibrazioni e cercare e ricercare la voglia di mettersi in gioco e vivere…

La realizzazione del video è stata affidata alla ZenBang Productions, che ne ha curato riprese e montaggio. Il video e’ stato realizzato presso “Il Bistratto Bar & Cucina” di Omegna (VB), e negli spazi dell’associazione Mastronauta di Omegna (VB)

Link Video: https://youtu.be/FvF-EFutuQM

L’inaspettato. È questo quello di cui parla il singolo in questione di Matt Cadillac & The Shoots. Cosa è l’inaspettato di cui si parla nella canzone? “She Walking Away” si dice più volte nel testo, ossessivamente: è questa la frase chiave ripetuta più volte come si ripetono alcuni riff di chitarra e lo splendido chorus. Storie d’amore del tutto impreviste, una donna capace di portare lo scompiglio nella nostra vita monotona di tutti i giorni. E’ questo l’inaspettato. “Tonight it’s the night of borderline” dice un’altra parte del testo della canzone, la serata della follia. Inaspettato e follia: la donna che cammina lontano(“She Walking Away”), questa donna enigmatica, una femme fatale impersonata nel video da Beatrice Bertone, è capace di cambiare la vita di una persona. Il rosso dominante di alcune scene, il rossetto della donna enigmatica, le chitarre sferraglianti, quella pistola “violenta”: il rosso sangue ha il sapore della “violenza”, la violenza del cambiamento, la violenza dell’inaspettato….. Il solo finale di chitarra sa di apoteosi, di incredibile esaltazione. La violenza è stata compiuta. I due giovani se ne vanno e lui, Matt, sorride soddisfatto mentre lei imperturbabile ha ancora la pistola in mano, l’arma del “delitto”.